Cosa sono i certificati bianchi?

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), o Certificati Bianchi, sono emessi dal GME (gestore dei mercati energetici) a favore dei distributori, delle società controllate dai distributori medesimi e a favore di società operanti nel settore dei servizi energetici (ESCO), al fine di certificare la riduzione dei consumi conseguita attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica.

I distributori di energia elettrica e gas sono inoltre obbligati a raccogliere un volume minimo di Certificati Bianchi ogni anno. Per adempire ai loro obblighi, i soggetti obbligati possono comprare Certificati Bianchi direttamente dalle società ESCo o sul mercato dei certificati bianchi gestito dal GME. Questo meccanismo crea una domanda di Certificati Bianchi che consente a chi ne è proprietario di poter venderli.

I progetti che consentono l’ottenimento di certificati bianchi possono essere di tre tipi:

Standard

Sono progetti che non necessitano di misure dopo la loro realizzazione per ottenere Certificati Bianchi, ma solo della comunicazione di alcuni dati caratteristici dell’intervento e definiti dal GSE (Gestore Servizi Energetici) in schede tecniche standard.

A consuntivo

Sono progetti più complessi che, per ottenere Certificati Bianchi, necessitano di misure dopo la loro realizzazione seguendo metodi proposti dalla ESCo titolare del progetto e valutati dal GSE caso per caso.

Analitici *

Sono progetti che, per ottenere Certificati Bianchi, necessitano di misure dopo la loro realizzazione, seguendo metodi definiti dal GSE in schede tecniche analitiche.

COGENERAZIONE

I progetti di cogenerazione danno diritto all’ottenimento di Certificati Bianchi se sono riconosciuti come CAR (Cogenerazione ad Alto Rendimento) secondo le condizioni e le procedure stabilite dal Decreto ministeriale 5 settembre 2011. La valutazione dei progetti di cogenerazione per l’ottenimento dei Certificati Bianchi è realizzata dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici).

* Per i nuovi progetti la tipologia analitica non sarà più contemplata dal nuovo schema dei certificati bianchi che prevede solo progetti standard o a consuntivo

La proposta di L’Énergie

 

L’Énergie in qualità di ESCO può richiedere i TEE per conto dei suoi clienti che desiderano così valorizzare degli interventi di efficienza energetica.

Oltre alla richiesta di Certificati Bianchi per progetti standard ed analitici, L’Énergie si propone per la definizione e l’implementazione dei piani di Misura e Verifica necessari alla richiesta di Certificati Bianchi per i progetti a consuntivo o di cogenerazione che richiedono una verifica effettiva dei risparmi conseguiti.

L’Énergie interviene quindi in tutte le fasi di ottenimento dei Certificati Bianchi quali il piano di Misura e Verifica del risparmio,la sua implementazione e gestione, la produzione periodica della reportistica necessaria all’ottenimento dei Certificati Bianchi, la vendita dei Certificati Bianchi.

Per la realizzazione dei suoi piani di M&V, L’Énergie si avvale di esperti certificati dell’uso dei principali protocolli internazionali usati in materia di controllo e monitoraggio dei risparmi energetici, ovvero l’IPMVP (International Performance Measurement and Verification Protocol), e certificati di terza parte come Esperti in Gestione dell’Energia (EGE secondo norma UNI CEI 11339 certificati da SECEM).